Cos'è la sicurezza tecnica?

In today’s digital world, sensitive data and information is consistently at risk which is why technical security is an integral part of any government or organisation’s infrastructure.

The term ‘technical security’ refers to the techniques used for authentication and protection against theft of proprietary information and intellectual property, which are both increasingly at risk of industrial espionage.

It’s an important part of Rose Partners’ service offering. Our robust systems and processes are designed to create and maintain a secure environment for all areas at risk from external malevolence including office and residential space, vehicles, aircraft, vessels and any other facility that may be open to risk from outside an organisation.

Technical security solutions

‘We know the importance of protecting assets and sensitive information in the modern world,’ explains Rose Partners CEO, Adam Honor. ‘Our expert knowledge of technical security ensures robust intrusion-detection and access-control systems that are both reliable and practical to use.’

Rose Partners’ technical security solutions offer the latest protection in:

  • Design, installation and commission of custom-design security systems.
  • Comprehensive Vulnerability Risk Assessments of current security systems, policies and procedures.
  • Technical surveillance counter measures (TSCM) services.

Our expert team can also build, manage and maintain special operations systems, including detection systems and response training for chemical, biological and radiological attacks.

‘At Rose Partners we pride ourselves on putting the client’s needs at the centre of everything we do,’ adds Honor. ‘That’s why our services are bespoke to the required needs and our dynamic approach to any scenario means bringing together the leading experts in a particular field to take command of the task in hand.  

‘We’ve had the privilege of working across the globe in a range of sectors, each requiring a specific approach and tailored solutions. Whatever the potential threats, we’ll mitigate the risks by building robust systems and processes that protect our client’s assets, whether that be IPs, sensitive data, confidential discussions or all of the above.’

Implementing technical security

Before implementing any technical security solutions, first Rose Partners will complete a risk assessment to build a clear picture of how sensitive information is collected, distributed and stored within an organisation. This initial phase of work allows us to understand where potential risks lie in all areas from the collection of personal data for marketing and communications purposes through to the way business-critical IPs are stored.

From there we consider the potential threats while also taking into account the culture and day-to-day workings of the organisation. This is key, as the solutions we provide must be practical for members of an organisation to use if they are to be adopted throughout a workforce.

Once we have mitigated the threats and integrated robust, practical solutions, we then consistently review these systems and maintain all the infrastructure required for their smooth operation. This work includes the ongoing analysis of new and emerging threats and the provisions required to mitigate against them.

If you’d like to know more about our technical security solutions, contact a member of the Rose Partners team today.

Evergreen - Rischio della catena di fornitura

Come la saga del Canale di Suez ha dimostrato il rischio della catena di approvvigionamento

When the Evergreen container ship (the Ever Given) ran aground in the Suez Canal in March 2021, it captured international headlines as crews worked to dislodge the vessel and resume global trade flows.

The six-day blockage of the Suez Canal delayed approx. 17 million tons of cargo freight on hundreds of vessels and had a significant impact on already stressed supply chains.

The Ever Given is just one example of the many risks to global supply chains. In our technology-dependent global marketplace, war, terrorism, pandemics, cyber-attacks or technology failures in one place can seriously disrupt business on the other side of the world.

The impact of the canal disruption illustrates the risks to business supply chains already operating at capacity. Any disruptions have ripple effects, with delays escalating along supply chains, increasing the length of time before the delivery schedules are resolved.

Most businesses recognise the concept of supply chain vulnerability and its managerial counterpart, supply chain risk management, but they are not as prepared as they should be. Commonly, businesses are unable to identify and successfully manage supply chain risks as the world becomes more interconnected.

Improved supply chain risk management enables organisations to take market share from competitors when a common risk strikes and leads to improvements in discovering, preventing and addressing smaller risks, which may cost effort, expense or time. A supply chain practicing risk management is faster to spot risk, faster to respond to it and faster to claim advantages. Competitor supply chains and organisations may not have well-developed risk management practices. This becomes a key strategic competitive advantage even for commodity product producers.

The scope of supply chain risk management is extensive and spans all areas of the supply chain. At the tactical level, risk management is the continual activity of detection, measurement and evaluation of potential supply chain disruption caused by all varieties of supply chain risk, emanating both from within or outside the supply chain. Supply chain risk management seeks to manage, control, reduce or eliminate real or potential risk exposure to supply chain performance.

What Rose Partners can do?

Rose Partners’ specialist security consultants have a wealth of experience assessing and managing supply chain risks. We can help businesses:

  • identify, assess and document supply-chain risks
  • develop a framework to manage supply-chain risks
  • monitor and prepare for emerging risks
  • audit and review risk management systems
  • improve resilience for the inevitable unknown risks that become a problem in the future
  • decrease costs by reducing the probability and impact of supply chain disruption and reduced performance

Rose Partners have worked with businesses in complex, highly-regulated sectors on supply chain security, including the tobacco industry, pharmaceuticals and food and drink. We have specialists in IT security capable of reviewing the IT services provided by external providers and resolving related supply chain risks.

To combat the threat of deliberate contamination, our risk specialists provide a wealth of expertise and experience to identify critical control points where an attack may occur and determine the most effective and appropriate measures to create a secure environment. In the food and drink sector, we work to and go beyond the Food Standards Agency Threat Assessment Critical Control Points (TACCP) standard to identify and address risks more comprehensively.

There is little evidence that The Ever Given incident will change the fast-moving interconnected supply chains that have become so integral to a business. The focus of change, therefore, needs to be on supply chain risk management.


Cos'è la riforma del settore della sicurezza?

La riforma del settore della sicurezza è parte integrante di ciò che Rose Partners fa, ma spesso ci viene chiesto quale sia lo scopo esatto del nostro lavoro. Con questo in mente, quello che segue è una definizione chiara e concisa della riforma del settore della sicurezza [SSR].

Esistono diverse definizioni di SSR che variano nella loro formulazione ma la cui essenza è la stessa. In sintesi, la SSR dovrebbe essere un processo di riforma strategica e sistematica del più ampio settore della sicurezza di un paese e di sviluppo di una risposta olistica alle esigenze di sicurezza di tutti gli uomini, donne e bambini.

Quando facciamo riferimento al settore della sicurezza, intendiamo tutti gli attori della sicurezza rilevanti che includono la polizia, l'esercito, la magistratura, le dogane, i ministeri, il parlamento e gli attori non statali. Ciascuno di questi attori della sicurezza dovrebbe essere guidato dalle esigenze di sicurezza delle persone nel più ampio concetto di sicurezza umana e includerà la sicurezza nazionale, come la difesa e i controlli alle frontiere, con l'obiettivo di aumentare la sicurezza delle persone.

In breve, la SSR dovrebbe fornire un settore della sicurezza più efficace ed economico con maggiore responsabilità e trasparenza.

Dove è richiesto l'SSR?

L'SSR è un processo continuo per aumentare la sicurezza delle persone nei paesi sviluppati e sottosviluppati, sebbene vi siano molte regioni che richiedono una riforma immediata e robusta. Queste regioni sono normalmente ambienti fragili o postbellici le cui persone hanno subito l'impatto e le conseguenze dei conflitti armati.

La maggior parte delle persone assocerà la SSR come intrapresa durante un periodo di transizione politica da regimi autoritari o durante l'indipendenza, o l'unificazione, degli stati. Questo è il motivo per cui il ruolo della SSR è fondamentale nella costruzione della pace e nell'evitare ulteriori conflitti. In questi scenari, la SSR è spesso parte o influenzata dalla ricostruzione dei contratti sociali tra le persone e il loro governo.

Tuttavia, come già accennato, SSR è anche un processo coerente in tutto il mondo come parte della continua modernizzazione e sviluppo del settore della sicurezza in paesi stabili e pacifici. Questa riforma è spesso in risposta a nuove decisioni politiche o a minacce e sfide alla sicurezza in evoluzione.

L'SSR appartiene al popolo

La proprietà nazionale è un principio chiave per SSR. Ciò non significa che sia di proprietà statale, significa che è un processo nazionale onnicomprensivo per garantire la sicurezza di una popolazione. La SSR richiede una consultazione e un impegno coerenti con la società civile e i rappresentanti di ogni segmento della popolazione.

Questa proprietà nazionale onnicomprensiva è essenziale per consentire la sostenibilità e il successo a lungo termine di qualsiasi programma SSR. Questa titolarità è spesso la parte più impegnativa di qualsiasi riforma, poiché coloro che finanziano o promuovono il lavoro possono avere priorità diverse o aspettarsi risultati in tempi brevi.

Il lavoro di Rose Partners in SSR

Tener conto di tutto ciò è il motivo per cui l'SSR non può essere raggiunto in tempi brevi e, di conseguenza, spesso richiede una strategia a lungo termine, che a sua volta necessita di revisione e valutazione coerenti. È necessario un approccio dinamico per adattare e superare le sfide che si presenteranno con l'implementazione dell'SSR.

Rose Partners è orgogliosa degli approcci che adottiamo all'SSR e dei risultati che vediamo nell'adozione immediata delle nostre politiche e procedure per l'impatto a lungo termine di tali processi. Se desideri saperne di più sul nostro lavoro SSR, contatta un membro del team Rose Partners oggi. 

Tre diritti e principi che tutti dobbiamo seguire

Esistono molti diritti umani, i più importanti dei quali sono noti come "fondamentali". Di questi, il diritto alla vita, il diritto a non essere torturati e il diritto a un giusto processo sono i primi tre. In una democrazia liberale, spetta allo Stato proteggere questi diritti.

TRE DIRITTI FONDAMENTALI 

Diritto alla vita  

Questa è la comprensione che un essere umano ha il diritto di vivere e che nessuno - compreso lo Stato - può porre fine alla vita di una persona se non in circostanze eccezionali, come l'autodifesa. La controversia sul diritto alla vita di solito circonda presunti casi di brutalità della polizia, uccisioni legali da parte della polizia e pena di morte. 

Divieto di tortura  

Nella legislazione sui diritti umani, il divieto della tortura significa un divieto totale della tortura. Il divieto si estende a pene o trattamenti inumani e degradanti. In nessuna circostanza è consentita la tortura, il degrado o il maltrattamento. Nelle attività di polizia, questo diritto è più spesso violato nel contesto dei prigionieri e dei colloqui, soprattutto quando un sospetto confessa. 

Processo giusto 

Questo è vitale in una società giusta. È il diritto al "giusto processo" (obbligo per lo Stato di rispettare tutti i diritti legali dovuti a una persona). Il giusto processo è la presunzione di innocenza fino a prova contraria, leggere i tuoi diritti, il diritto di rimanere in silenzio, il motivo dell'arresto (ove possibile), l'accesso a un avvocato, il diritto di essere ascoltato in un tribunale aperto al pubblico (trasparenza ) e la decisione o il verdetto spiegato. 

«I diritti di ogni uomo diminuiscono quando lo sono i diritti di un uomo minacciato.'

John F. Kennedy.

È inoltre importante essere consapevoli di tre principi che determinano la legittimità di qualsiasi azione intrapresa che possa violare i diritti di cui sopra, assicurandone la ragionevolezza, la necessità e la liceità. Di seguito viene fornita un'ampia spiegazione dei tre principi in termini generali. 

TRE PRINCIPI FONDAMENTALI 

Principio di proporzionalità  

Questo è anche chiamato il principio di ragionevolezza e sta bilanciando i diritti umani oi diritti fondamentali nella legge, richiedendo che l'interferenza con i diritti deve essere giustificata da ragioni che mantengono un buon rapporto con l'intensità dell'interferenza. La proporzionalità riguarda l'equilibrio: ponderare il vantaggio di interferire con un diritto contro il non interferire. 

Principio di necessità  

Questo è quando non ci sono altre opzioni praticabili, che sono state prese in considerazione e l'interferenza scelta è l'unico mezzo per raggiungere lo scopo legittimo. 

Principio di legalità 

Si tratta di qualsiasi interferenza con un diritto prescritta dalla legge ed è necessaria per raggiungere uno scopo legittimo ed è proporzionata a tale scopo. 

Per coloro che lavorano nelle forze dell'ordine, non solo è loro responsabilità sostenere la legge, ma anche proteggere i diritti umani delle persone.  

Tutto ciò che facciamo come Rose Partners durante l'attuazione dei programmi di riforma si basa sui tre principi e diritti definiti sopra.  

Se desideri saperne di più sui nostri programmi di riforma, contatta oggi stesso un membro del team di Rose Partners.  

L'incidente di Nave Andromeda evidenzia la necessità di una maggiore cooperazione nella lotta alla tratta di esseri umani

L'operazione organizzata dalle forze speciali britanniche per prendere il controllo della nave battente bandiera liberiana Nave Andromeda al largo dell'isola di Wight la scorsa settimana ha inevitabilmente catturato l'immaginazione del pubblico.

Niente fa notizia come una missione di salvataggio in elicottero nelle acque britanniche. Ma mentre l'operazione è stata chiaramente ben eseguita e ha raggiunto la sua missione, risultato senza dubbio di un'eccellente pianificazione e cooperazione tra i servizi, l'incidente dovrebbe puntare i riflettori sulla crescente sfida umanitaria e di sicurezza rappresentata dal traffico internazionale di esseri umani e, cosa più importante, la necessità di una cooperazione internazionale molto maggiore per affrontare il problema alla fonte.

Un recente articolo in i tempi suggerisce che sia la Spagna che la Francia, alleati del Regno Unito, abbiano rifiutato ripetute richieste da parte dell'equipaggio di assistenza per la sicurezza mentre la nave attraversava le acque di navigazione di quei paesi, diretta a Southampton, lasciando così il problema agli inglesi di risolvere in una fase successiva in il viaggio della nave. Diversi fattori, tra cui la complessità del diritto marittimo e dell'opinione pubblica sull'immigrazione, hanno senza dubbio contribuito al processo decisionale della Spagna e della Francia in questa occasione, ma mostra quanto lavoro c'è da fare in questo spazio.

Ma un'efficace cooperazione in materia di sicurezza internazionale quando si tratta di questo tipo di incidente è solo una parte della storia, non è la soluzione. Dobbiamo lavorare di più, con i nostri alleati, per affrontare il problema alla fonte. Ciò include fornire un supporto reale ai molti paesi (in particolare nella regione MENA) in cui le reti criminali basano le loro operazioni di traffico. Tale sostegno deve coprire le numerose e complesse sfide del settore della sicurezza e della riforma giudiziaria, della polizia e della formazione in materia di sicurezza (in particolare sui diritti umani), della cooperazione internazionale e della condivisione di informazioni. Questo dovrebbe essere il fulcro degli sforzi della comunità internazionale.

Rose Partners è orgogliosa di fare la sua parte nello sviluppo della soluzione, lavorando su una serie di importanti progetti di riforma del settore della sicurezza nella regione MENA, fornendo supporto esperto in prima linea nella battaglia contro la tratta di esseri umani. Ciò include la formazione della polizia, la gestione del cambiamento, il supporto operativo specialistico nei settori dell'intelligence, della lotta al terrorismo e della lotta alla criminalità organizzata. Sebbene sia necessario fare molto di più, stiamo verificando in prima persona quanto questi paesi vogliano riuscire a porre fine al flagello della tratta di esseri umani.

Clarke Jarrett è direttore strategico di Rose Partners ed ex comandante di SO15 a New Scotland Yard.

it_ITItaliano